sabato 15 novembre 2008

Rugggine

complice la pioggia degli ultimi tempi, su tutto il mio ferro urbano sta facendo la sua comparsa un leggero strato di ruggine.

Mi piace.

2 commenti:

joanfran ha detto...

non mi ricordo se lo hai già scritto tu da qualche parte ma mi ricorda la ferrodagosto (http://www.movimentofisso.it/bici2.aspx?IdProd=54). ora sarà ancora più forte il suo aspetto new retrò

Ico ha detto...

esatto, lo scrissi, ma neanche io mi ricordo dove! ;)

lasciare il ferro in vista è una pratica piuttosto utilizzata: gratti con carta abrasiva a piacimento finchè non raggiungi il risultato che pù ti soddisfa (molto lucente/un po' ossidato etc.), poi una mano di trasparente per preservare il lavoro.

in realtà il trasparente sembra che non elimini del tutto l'avanzare dell'ossidazione, che comunque continua sotto (il ferro non è infatti stato trattato con un prodotto apposito, spesso già contenuto nelle vernici spray/smalti).

l'idea suggerita dal rotafixa (ripresa da lui stesso nella Sversa, ultima sua bici pubblicata), è quella di lasciare il telaio così com'è, nudo che più non si può.

l'effetto finale, adesso che comincia a vedersi, secondo me è spettacolare. Logicamente deve piacerti l'idea di "puntare sull'imperfezione", e credo che anche il mezzo in sé deve comunque adattarsi come stile generale.

logica una certa manutenzione: ogni tanto passo tutta la superficie con l'abrasiva per ridare lucentezza e togliere la ruggine.

il vantaggio? non esiste più alcuna preoccupazione sulla verniciatura!